Archivio della categoria: Convegni

A MEATITALY PER LA PRIMA DI UN WORKSHOP TRA CONSUMATORI E RESPONSABILI DELLA SANITA’ALIMENTARE

 

Un gioco di parole per un incontro dal carattere internazionale che si propone di creare nuove sinergie tra la filiera della carne bovina e i consumatori europei.

Questo è “Meat the Consumer”, un innovativo appuntamento che vedrà coinvolti in particolare gli attori della filiera deputati a vigilare i mercati, i rappresentanti delle maggiori associazioni di consumatori, e i Nuclei Antisofisticazioni (N.A.S.), l’istituzione governativa a tutela della sanità alimentare.

Considerate le notizie che talvolta scuotono i mercati alimentari internazionali – notizie spesso impropriamente allarmistiche soprattutto in Italia, dove i controlli veterinari e sanitari sulla carne sono maggiori e più accurati rispetto a tutti gli altri Paesi europei – il tema della sicurezza è di grande interesse non solo per tutti i consumatori, che devono avere la certezza che i loro acquisti di carne sono certificati, ma anche per tutta la filiera, che ha la necessità di comunicare in modo forte e chiaro l’alta qualità della produzione nazionale.

Lo scopo principale di “Meat the Consumer”, in programma giovedì 22 ottobre nell’ambito di MeatItaly, è quindi la progettazione congiunta tra gli attori della filiera della carne bovina e i consumatori finali di nuove e migliori condizioni di mercato. Conoscere le criticità, le lamentele, le richieste e, più in generale, la percezione che i consumatori hanno dei fattori chiave della filiera (igiene, controlli, qualità, prezzo), permetterà ai produttori di carne bovina di creare nuove e importanti sinergie per un continuo sviluppo e miglioramento del mercato.


In primo piano a Parma la partnership strategica tra ristorazione e industria alimentare

La partnership strategica tra l’ industria alimentare e la ristorazione in primo piano a Parma, patria di Cibus e casa del Made in Italy alimentare da 25 anni.
Un convegno, quello organizzato da Cibus 2010, in programma il prossimo 10-13 maggio 2010, che, come recita il titolo “L’industria di marca alla conquista del fuoricasa”, sottolinea la virtuosità di un trend in controtendenza in questi tempi di crisi.
Infatti se da una parte diminuiscono i consumi alimentari domestici (-2,4%) quelli del fuoricasa, anche se di poco, crescono (+0,2%).

Ed è proprio da una più stretta e rinnovata collaborazione tra il Made in Italy alimentare e il variegato mondo della ristorazione organizzata (che va dal ristorante tradizionale alle stazioni di servizio, passando per le pizzerie, i bar, le mense, i fast food) che le aziende produttrici italiane possono trovare “canali alternativi” alle loro referenze.
Non è un caso che proprio a Parma si siano dati appuntamento oltre trecento uomini marketing dei principali marchi di un Made in Italy che si conferma anche nel 2008 come secondo comparto produttivo nazionale con 120 miliardi di euro di fatturato, 6.500 aziende operanti ed oltre 400.000 addetti.
“Infatti a Parma l’industria alimentare italiana trova il suo terroir, come il mondo del vino lo trova a Verona”, come ricordano in Fiere di Parma “E questo convegno nasce da una precisa richiesta delle aziende espositrici di Cibus che negli anni hanno saputo individuare in un più stretto rapporto con a ristorazione organizzata, ampi margini di ampliamento del proprio business”.

Come detto, quindi, nonostante la recessione economica, la spesa per alimentari e bevande fuoricasa nel 2008 tiene: questo il quadro generale dei consumi alimentari fuoricasa riportato anche da Nielsen.
“Più che a un taglio della spesa alimentare – ha spiegato Stefano Fina, Client Service Director della Nielsen – gli italiani si orientano verso una “razionalizzazione dei consumi”. Sono poco preoccupati dei prezzi dei beni alimentari (solo il 5% lo vive come un problema, mentre il 24% degli italiani teme di perdere il posto di lavoro) anche perché sanno come risparmiare: comprando di più i prodotti a marchio privato e i primi prezzi, ricercando assiduamente le promozioni e gli sconti, frequentando di più i discount, aumentando lo stoccaggio di alimentari in casa e via dicendo. Il 15% degli italiani dichiara di cercare ogni giorno di risparmiare sulla crisi”.

“Per quanto riguarda la ristorazione fuori casa – ha detto ancora Stefano Fina – oltre il 70% degli italiani con più di 14 anni frequenta abitualmente la ristorazione fuori casa: la pizzeria rimane il locale preferito (54%), seguito dai ristoranti tradizionali (33%), pub/birrerie (19%), trattorie (17%), fast food (17%) ed altri. Va sottolineata la crescita di luoghi di ristorazione come le 4mila Stazioni di Servizio dove si mangia e beve (+1,7%) e dei Fast Food (+0,6%): il 45% degli italiani, pari a 23 milioni di individui, negli ultimi 3 mesi ha frequentato una catena Fast Food o Stazioni di Servizio, dunque un trend in crescita”.

Il convegno, moderato dal direttore editoriale del Gruppo Food Maria Cristina Alfieri. ha visto la partecipazione di Roberto Martinelli, Direttore marketing e private label Cateringross, Claudio Truzzi, Quality assurance manager di Metro Italia Cash and Carry, di Pedro Antòn, Amministratore delegato di CBD, Stelio Lani, Category manager Grocery di Marr, Andrea Zironi, Direttore acquisti di Autogrill, Paolo Radi, Direttore Ice cream & Foodservice Unilever, Gianni Orazzo, Direttore commerciale San Benedetto, Alfio Schiatti, Direttore business Unit Surgelati retail e Foodservice Bonduelle e Gabriele Lusignani, Responsabile marketing divisione Foodservice Barilla.


L’editoria libraria in tempo di crisi? La parola all’AIE – Associazione Italiana Editori

L’ editoria libraria in tempo di crisi? Tiene, evidenziando per il 2008 solo un lievissimo calo (pari allo 0,6% secondo l’indagine NielsenBookScan). E registra un segnale ben più positivo sul fronte della lettura di libri: sono cresciuti infatti nel 2008 i lettori in Italia e raggiungono il 44%, in base ai dati Istat, della popolazione (era il 43,1% nel 2007).
Sono solo alcuni dei dati che emergono in apertura della Fiera Internazionale del Libro di Torino, da giovedì al Lingotto, e che saranno sviluppati nel convegno “Bambini e ragazzi: come leggono e comprano i ragazzi della libraria di domani” in programma venerdì, 15 maggio, alle 10 nella sala Blu del Lingotto, organizzato dall’Associazione Italiana Editori (AIE) e dalla Fiera Internazionale del Libro di Torino.

Se il mercato “adulti” tra 2007 e 2008 rimane, nonostante la congiuntura economica e dei consumi delle famiglie, sostanzialmente stabile a valore (-0,6% secondo l’indagine di NielsenBookScan che sarà presentata venerdì nel corso del convegno), il mercato bambini e ragazzi cresce ben del 10%. A conferma che i libri, Internet e le tecnologie si integrano perfettamente nella quotidianità dei ragazzi.

Di qui l’idea in più per “far parlare” editori, biblioteche e ragazzi: sarà proprio la Fiera di Torino a tenere a battesimo www.editorixragazzi.it , il sito ufficiale degli editori per ragazzi realizzato dall’Associazione Italiana Editori (AIE).

Un ampio catalogo di titoli per ragazzi interrogabile con diverse chiavi di accesso: uno strumento unico per bibliotecari, genitori, insegnanti e ragazzi stessi, che sarà presentato lunedì, 18 maggio, alle 15.30 nello Spazio Bookstock Village – Sala Stock del Lingotto.


Piemonte: nuovi esperimenti per il futuro del terziario commerciale

“Valutare e monitorare le politiche del Terziario commerciale”: questo il titolo del convegno organizzato venerdì prossimo presso l’assessorato regionale al Turismo.

È finito il tempo delle troppo semplicistiche guerre fra le diverse tipologie distributive, degli esercizi commerciali tradizionali (negozi di vicinato) contro media e grande distribuzione. Si tratta di querelles oggi superate da una competizione che va a giocarsi, più che fra singole strutture di vendita, su più estesi ambiti territoriali. La capacità di competizione dei relativi sistemi sarà fortemente condizionata da quanto pubblico e privato insieme sapranno organizzare in termini di offerta complessiva e valorizzazione del territorio.

Il Convegno vedrà tra i suoi relatori Luigi Ricca, assessore regionale al commercio, Alessandro Barberis, presidente C.C.I.A.A. di Torino, Pierre Francis, direttore AMCV (Association du Management de Centre Ville – Belgio) il Prof. Franco Prizzon, del Politecnico di Torino, Elena Franco della TCM Italia, Sabrina Pelassa della società Area, Renato Viale, presidente di Confcommercio Piemonte e Maria Luisa Coppa, presidente Ascom Torino.

L’incontro sarà anche l’occasione per conoscere, in merito al tema delle competitività territoriali, nuovi strumenti di analisi e valutazione (in parte di matrice estera, scuola belga in primis) applicati per ora in modo sperimentale su due specifiche realtà comunali piemontesi (Chivasso e Santa Vittoria d’Alba).

Durante il convegno si parlerà anche dell’idea di lanciare un master post Laurea che qualifichi una nuova figura professionale, il “town center manager


COSI’ SI PUO’ SUPERARE LA CRISI DELL’EDILIZIA

A CarraraFiere, dal 3 al 5 aprile, c’è EdilTirreno Expò, la fiera dedicata alle imprese che producono e distribuiscono materiali e tecnologie e agli specialisti del settore; propone le novità con un programma di convegni dedicati a innovazione, proposte tecniche e formazione ma anche per discutere strategie di sostegno e rilancio del comparto.

Se le ricette per superare la crisi dell’economia a livello mondiale sono tante, una soluzione riscuote consensi unanimi: sostenere e rilanciare il settore dell’edilizia in tutte le sue articolazioni è indispensabile per far ripartire l’economia reale.

Ne sono convinti gli operatori del settore delle costruzioni e collegati, che parteciperanno a EdilTirreno Expò, seconda edizione della fiera organizzata da CarraraFiere e Promofiere, dedicata alle imprese che producono e distribuiscono materiali e tecnologie ed ai professionisti e specialisti del settore che si tiene a CarraraFiere dal 3 al 5 aprile.

Non sarà una manifestazione limitata al solo settore espositivo, ma avrà anche l’obiettivo di approfondire tematiche di carattere tecnico oltre che le strategie e gli strumenti da adottare per superare un momento estremamente difficile per il comparto a livello nazionale e regionale. Comparto che solo in Toscana occupa oltre 100.000 addetti.

”In questo momento- sottolinea Stefano Varia Presidente di Ance Toscana – chiediamo a tutti i soggetti pubblici, Regione, Comuni, Province,di accelerare al massimo gli investimenti anche in opere pubbliche cosiddette minori, le uniche in grado di dare respiro alle imprese medio piccole diffuse sul territorio. Sul versante dell’edilizia privata Ance Toscana chiede di semplificare le procedure urbanistiche a livello comunale, occorre quindi che la Regione modifichi alcune norme della legislazione regionale. Guardiamo poi con favore al progetto della Giunta Regionale in materia di edilizia sociale ed in particolare al preannunciato piano stralcio di edilizia abitativa.”

In questa cornice si inserisce il convegno che si svolgerà sabato 4 aprile alle 10.00, curato da ANCE Toscana sul tema “Offerta economicamente più vantaggiosa” che ha l’obiettivo di approfondire anche alcuni aspetti del criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa basato su un’idoneità tecnica-economica che deve essere rapportata alla natura ed all’importo delle prestazioni oggetto della gara, per cui la scelta dell’offerta non è affidata al solo ribasso del prezzo, ma tiene conto della valutazione comparativa di altri elementi quali: termine di consegna, merito tecnico, qualità, caratteristiche estetiche e funzionali, assistenza tecnica, solo per citarne alcuni.

Il programma dei convegni di EdilTirreno è ricchissimo, oltre venti iniziative nell’arco di soli tre giorni (www.ediltirrenoexpo.com  )con un momento di grande partecipazione prevista per il convegno/talk show sulla Distribuzione Edile che si svolgerà nella mattina di domenica 5, organizzato in partnership con “Il Giornale del Rivenditore Edile”. L’obiettivo è quello di comprendere come si stanno comportando i rivenditori edili per fronteggiare la crisi e quali sono gli strumenti, le strategie, per trasformare la flessione in opportunità. A queste domande risponderanno alcuni protagonisti della distribuzione tra cui BigMat, Gruppo Made, Gruppo Edile Fiorentino, Consorzio Rivenditori Edili.

Sempre in tema di soluzioni, ANCI Toscana e MPS Leasing organizzano venerdì 3 aprile, alle 10.00, “Leasing in costruendo” per studiare gli strumenti finanziari per l’edilizia; sempre venerdì alle 14.00, ASSODIMI e ASSONOLO organizzano “Il Noleggio: la risposta alla crisi – Come creare ricchezza e flessibilità nel parco macchine”.

Molti anche gli appuntamenti dedicati a formazione e approfondimento tecnico.

Nella giornata di venerdì sono previsti, in particolare:

– alle 10.00 “Nuova normativa antisismica” curato dalla Federazione degli Ordini degli Ingegneri della Toscana; alla stessa ora Confartigianato Imprese di Massa Carrara si occuperà di “Tecniche e normativa per l’installazione delle Linee Vita”.

Alle ore 14.30 CasaKyoto – TEP srl presenteranno il convegno “CASAKYOTO in 10 mosse. Come riqualificare l’edilizia esistente”.

Alle 16.00 è in programma il corso di aggiornamento sul “DM 37/08 e impianti antincendio: analisi delle norme UNI EN 12845, UNI 9795, UNI 10779 e UNI EN 671 e argomenti correlati” curato da CNA ed UNI con il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico; alla stessa ora, “Ventilazione degli edifici: dalla ventilazione naturale alla ventilazione meccanica controllata” organizzato dalla Federazione degli Ordini degli Architetti della Toscana.

Conclude la giornata il seminario “Biocalce: materiali naturali da costruzione nell’edilizia del benessere” (alle 16.30) a cura di Kerakoll e dell’ Istituto Nazionale di Bioarchitettura.

La giornata di sabato avrà come appuntamento centrale il decreto legislativo 81/2008.

Alle 9.00 si aprirà con il corso di aggiornamento tecnico professionale sul tema “DM 37/08 e impianti antincendio: analisi delle norme UNI EN 12845, UNI 9795, UNI 10779 e UNI EN 671 e argomenti correlati” organizzato da CNA ed UNI con il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico.

Da segnalare anche:

Alle ore 10.00 il seminario sul Testo Unico Decreto Legislativo 81/2008 in tema di “Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro” organizzato da Confartigianato Imprese di Massa Carrara.

Sempre alle 10.00 il corso di aggiornamento professionale per coordinatori alla sicurezza a cura di CNA Toscana sulle Linee Vita “Progettare la sicurezza nelle coperture”.

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 14.00 LIGNOTREND e Adria Legno Service srl presenteranno “LIGNOTREND: un sistema ad alte prestazioni architettoniche alla portata di tutti per il costruire sostenibile”.

Alle 14.00 è in programma anche il seminario con role-playing game di simulazione di un’indagine a seguito di un infortunio sul lavoro organizzato da Prevenzionesicurezza.com “Decreto legislativo D.Lgs. 81/08 Sicurezza sul lavoro a 360°? ”.

Si parlerà ancora de “I vantaggi degli impianti fotovoltaici in risposta all’evoluzione delle norme” con Solar Solutions Italia srl a partire dalle ore 15.30.


Parma – La qualità italiana incontra il Giappone

Il convegno internazionale “Japan Italy Meeting – Agroalimentare e turismo: la qualità italiana per il business col Giappone” si svolgerà i prossimi 24 e 25 marzo presso la Sala Aurea Parma della Camera di Commercio di Parma. Organizzato in collaborazione con l’associazione Nipponica e con il patrocinio di Ministero degli Affari Esteri Italiano, Ambasciata e Consolato del Giappone, Japan Italy Meeting raccoglie esperienze e competenze diverse, per fornire agli operatori dei comparti turismo e agroalimentare un primo punto di contatto con il mercato nipponico e le concrete opportunità che questo offre. La difficile congiuntura economica invita a individuare nuove e sempre più efficaci azioni per minimizzare i rischi d’impresa aumentando, al contempo, la capacità di fare sistema. In tal senso risultano essenziali una reale conoscenza del mercato verso cui ci si rivolge e la predisposizione a dar vita a sinergie impostate sugli irrinunciabili valori della qualità e dell’eccellenza. Parteciperanno numerosi relatori giapponesi e rappresentanti dei due settori, con testimonianze aziendali di successo. Le tematiche oggetto delle due giornate di incontri – il 24 marzo dedicato al settore turismo e il 25 marzo al settore agroalimentare – saranno ulteriormente approfondite nei tavoli di lavoro pomeridiani, dove gli operatori potranno dialogare direttamente con gli esperti del mercato nipponico.

La partecipazione è gratuita.

Tutte le informazioni e il form per confermare la partecipazione sono disponibili sul sito:

www.japanitalymeeting.com


Camera di commercio di Parma tel. 0521210203

e-mail: info@japanitalymeeting