Italian cruise Day: dichiarazione di D. Pellegrino, managing director di MSC Crociere

MSC CROCIERE CHIEDE CABINA DI REGIA NAZIONALE PER LA GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI

Allarme lanciato da Pellegrino (Managing Director): “Italia protagonista, ma troppi porti. Occorre superare provincialismo, altrimenti le compagnie sceglieranno altre destinazioni”

“Il mercato delle crociere raggiungerà quest’anno 17 milioni di passeggeri a livello mondiale, che diventeranno 25 entro il 2015. L’Italia è il principale Paese d’imbarco del Mediterraneo, ma se vuole restare protagonista deve avviare subito una politica seria di ammodernamento delle infrastrutture a livello nazionale, superando la mentalità provincialistica che ha portato oggi alla creazione di oltre 60 porti che vantano una vocazione crocieristica. Pochi però sono oggi davvero competitivi a livello internazionale, mentre al contrario spesso chiedono alle compagnie prezzi fuori mercato a fronte di servizi inadeguati.” E’ questo il tema che Domenico Pellegrino, Managing Director di MSC Crociere ha portato all’attenzione dell’ Italian Cruise Day.
“Non è pensabile per il nostro Paese riuscire a tenere il passo dei volumi di crescita del settore crocieristico senza istituire una cabina di regia a livello nazionale, in quanto i costi operativi di un numero così elevato di porti sono ormai insostenibili. Già adesso, ad esempio, molti porti italiani non sono neanche in grado di accogliere le grandi navi da crociera di ultima generazione e la ragione principale risiede nel fatto che le risorse economiche vengono inevitabilmente disperse per gestire questa eccessiva frammentazione. Il viaggio in crociera inizia e termina a terra, quindi è fondamentale che le infrastrutture garantiscano ai passeggeri imbarcanti, sbarcanti e in transito gli stessi comfort offerti a bordo delle navi. Altrimenti le compagnie saranno costrette a scegliere altre destinazioni più competitive” ha concluso Pellegrino.

Comments

comments

Lascia un commento